Caricamento Eventi

Tutti gli eventi

DIMENTICANDO GABER

25 Aprile @ 17:30

Recital
Di: Emanuele Santoro
Con: Emanuele Santoro e Claudia Klinzing
Testi di: Giorgio Gaber e Sandro Luporini

Lo spettacolo:
Gaber è, prima di tutto, poesia, letteratura. I testi di Gaber e Luporini sono innanzitutto prosa. Partendo da questo assunto, interpretarli significa necessariamente, per me, dimenticare Gaber, il suo volto, la sua voce, i suoi ritmi. Anni fa, in occasione di una serata di letture, un collega, che ha conosciuto personalmente Gaber ed è amico di Lupori, scoprendo che avrei letto testi di Gaber mi disse “Troppo rischioso… Gaber è Gaber!”. Interpretai un testo di Gaber in dialetto napoletano. “Funziona!”, mi disse alla fine. Non avevo dubbi. Se un testo non avesse la forza di sopravvivere al suo autore o principale interprete bisognerebbe lasciare, per esempio, i testi di Dario Fo allo stesso Fo, o, in senso più ampio, Shakespeare agli inglesi e Molière ai francesi. Dimenticando Gaber, titolo in verità poco invitante, vuol proprio riassumere, provocatoriamente, questa idea che ho dell’opera in prosa di Gaber e Luporini, che peraltro scriveva “su misura” per l’amico. Dimenticare Gaber per ricordarlo, per far ri-vivere la sua scrittura. Racconti, quelli che verranno interpretati al leggìo al teatro il Cortile, diversi uno dall’altro, che però si uniformano a un unico interrogativo, sempre attuale: quello di capire a che punto stanno i nostri sentimenti, capire quanto e se sono gonfiati, isterici o veri. Che cos’è, per esempio l’amore? Ogni volta che diciamo “ti amo” non si sa mai se è vero e quanto. Per dirla con l’autore, il delirio di “mentire e credere” non è raro, quello che conta è sapere quanto si finge e quanto si fa sul serio, perché è proprio da questa pulizia del sentimento che si può trovare il coraggio di ridare un’occhiata al mondo. (Emanuele Santoro)

Emanuele Santoro:
Attore, regista, scenografo. Nato a Zurigo nel 1970, è attivo nel teatro dal 1984. Si forma artisticamente seguendo stages, studi e corsi professionali che vanno dalle tecniche Stanislavskij-Strasberg alla Commedia dell’Arte italiana, dalla narrazione allo speakeraggio. Inizia la sua attività professionale nel 1993 lavorando come attore per la c.n.t., Compagnia Nuovo Teatro di Locarno. Nel 1994 fonda la scuola di teatro per ragazzi i microattori, che ogni anno vede iscritti giovanissimi tra i sette e i quindici anni e con i quali realizza ogni anno uno spettacolo di fine corso. Dal ’98 al ’03 collabora con alcune compagnie locali per le quali firma la regia degli spettacoli. Ha lavorato come attore per Pro Helvetia (Fabula) e ha partecipato allo spettacolo allestito per l’inaugurazione della nuova ambasciata svizzera di Berlino. Da diversi anni propone in Ticino corsi di teatro per adulti e collabora con scuole e istituti del cantone. Nel 2003 fonda la sua compagnia, la e.s.teatro, debuttando con Caligola di A. Camus. Da allora presenta almeno una nuova produzione all’anno. Il filo che unisce tutte le sue produzioni è l’indagine dell’animo umano. Adattamenti molto personali di testi classici e contemporanei, e un repertorio che passa da Shakespeare a Cervantes, da Pirandello a Dostoevskij e Gogol’, Da Beckett a Ionesco, da Camus a Pinter. Degli spettacoli, oltre all’interpretazione, cura l’adattamento, la scenografia e la regia. Nel 2006 realizza e inaugura, a Lugano-Viganello, il teatro il Cortile, con una capienza di settanta posti, è sede stabile della e.s.teatro, dei microattori e dei Laboratori teatrali. Del Cortile cura la programmazione della stagione teatrale, compresa la rassegna SOLOinscena, rassegna di spettacoli per attore solo, unica nel suo genere. il Cortile è anche diventato punto di riferimento in Ticino per diverse compagnie e festivals, tra cui anche il FIT festival internazionale di teatro di Lugano. Recentemente la stampa ha definito il Cortile “Luogo di culto per un teatro di qualità” (GdP) e “Cuore pulsante della cultura luganese” (Rete2, RSI). Nell’aprile 2020 il teatro è stato chiuso definitivamente a causa di un nuovo progetto edilizio dei proprietari dello stabile. Emanuele Santoro è considerato dalla critica teatrale come uno dei maggiori talenti del teatro ticinese. È padre di due meravigliosi bambini!

Biglietto adulti chf. 20.-
Studenti e AVS chf. 15.-
Ragazzi fino a 16 anni chf. 10.-

Dettagli

Data:
25 Aprile
Ora:
17:30
Categoria Evento:

Organizzatore

Teatro del Gatto
Telefono:
+41 091 792 21 21
Email:
info@ilgatto.ch
Sito web:
http://www.ilgatto.ch

Luogo

Teatro del Gatto
via Muraccio 21
Ascona, 6612 Svizzera
+ Google Maps