Caricamento Eventi

Tutti gli eventi

ABC DEL NATALE

4 Dicembre @ 16:30

Strumenti musicali ideati da: ALESSANDRO CALABRESE
Musiche eseguite dal vivo da: ALESSANDRO CALABRESE e GIANNI ROSSI
Scenografia realizzata da: GIUSEPPE LUZZI
Costumi ideati da: GIUSEPPE LUZZI e realizzati da LAURA MONTEFUSCO
Drammaturgia e regia: ANGELO FACCHETTI
Produzione: Compagnia Teatro Telaio
Compagnia Teatro Telaio

Lo spettacolo:
Siamo in una stalla, una stalla famosa, e quei due animali sono proprio loro: l’Asino e il Bue, con tanto di coda e orecchie. Da più di duemila anni tengono aperte le porte della loro casa e scaldano esseri umani grandi e piccini raccontando loro storie, belle e antiche. Racconto dopo racconto, Asino e Bue si accorgono che ogni parola detta, ogni personaggio evocato, pur così antico e famoso, non sempre viene riconosciuto dai piccoli spettatori che li circondano. E’ l’occasione quindi per tornare alle basi, per spiegare tutto daccapo, giocando con le parole e trovando modi originali e divertenti per far conoscere tutto, o quasi, di quel gran mistero. Partendo dalle cose più semplici, dall’ABC, per costruire, assieme, un alfabeto del Natale.

Il Teatro Telaio continua la sua ricerca attorno alla festa e alla ritualità del Natale, alle sue radici e derivazioni culturali, al suo significato, alle sue affinità antropolgiche con feste e riti di altre culture. Dopo “Storie della Sera”, “Natale!”, “Aspettando Natale” e “La Festa delle Feste”, hanno deciso di tornare alle origini per evitare che un patrimonio culturale e di tradizione condiviso da secoli si perda nei meandri della memoria e sempre meno venga trasmesso alle nuove generazioni. Se un tempo i bambini non sapevano cosa volesse dire mirra, ora in molti non sanno cosa sia l’incenso e sembrerebbe rimanere solo l’oro. Il loro intento è, quindi, portare in dono un po’ di oro, incenso e mirra a tutti i bambini: a quelli che, figli di altre culture e religioni, si trovano a sperimentare lo scintillio delle festività natalizie senza sapere da dove nasca e a quelli che, semplicemente, non hanno più l’occasione di ascoltare chi tramandi le tracce delle loro tradizioni. Per rinnovare la gioia che scaturisce dalla condivisione, dallo stare assieme attorno a una luce e trovare calore nella vicinanza con i propri simili. Recuperare una serie di parole perdute, di simboli e personaggi che, testimoni e partecipi di una storia narrata e tramandata nei secoli, rischiano di perdersi nei lustrini e nelle luminarie del nostro tempo.

La compagnia:
Teatro Telaio è una cooperativa sociale onlus ed una compagnia teatrale professionale di Brescia che opera a livello nazionale dal 1979. Produce e promuove spettacoli teatrali con particolare attenzione al teatro per ragazzi, organizza e promuove festival, rassegne e stagioni teatrali. Si occupa di formazione sia per educatori che per giovani.
Abbracci è stato selezionato presso numerosi festival nazionali ed internazionali, tra i quali segnaliamo Reggionarra, Reggio Emilia (Italia) – 2017 12th Little Ladies Little Gentlemen International Children’s Theatre Festival, Ankara (Turchia) – 2016 Festival “Una città per gioco”, Vimercate (Italia) – 2016 Long lake family festival, Lugano (Svizzera) – 2016 Segni d’Infanzia e oltre, Mantova new generation performing arts festival, (Italia) – 2015 Mini Theatre Festival for Kids, Cluj Napoca (Romania) – 2015 PlayTime! International Children’s Theatre Festival, Miami (Stati Uniti) – 2014
International Theatre Festival for Children 100, 1.000, 1.000.000 stories Bucarest (Romania) – 2014

Recensioni:
Una sorta di raccolta di effemeridi linguistiche della tradizione memoriale e culturale, un alfabeto in chiave di cabaret gioioso ambientato nella capanna di Betlemme e raccontato da un bue e da un asinello dalle sembianze antropomorfe (Gianni Rossi e Alessandro Calabrese, i due interpreti da applauso; regia sapiente come sempre di Angelo Facchetti) fra giochi di parole, riscoperta di simboli, strambotti e inserti musicali. Uno spettacolo formativo ma senza pompa pedagogistica, che si fonda su quella ricerca inesausta del sacro che è precedente alla costruzione degli apparati delle religioni rivelate, recuperando un messaggio universale in cui la Natività è rinascita spirituale, prossimità, raggiungimento dell’umanità di gregge, per dirla alla Bergonzoni. “ABC del Natale” andrebbe replicato tutto l’anno, non solo durante le Feste.”
(Nino Dolfo, Corriere della Sera, 09 gennaio 2022)

“Un elogio della Natività spiegata in uno stupendo gioco di parole: 21 per l’esattezza. E’ l'”ABC del Natale”, il nuovo esilarante spettacolo del Teatro Telaio sotto la regia di Angelo Facchetti. Una rappresentazione tanto fanciullesca quanto avvincente, capace di coinvolgere e divertire, ma soprattutto di emozionare.
Un viaggio magico intorno ad un alfabeto: si inizia (ovviamente!) dalla A di Asino e la B di Bue per arrivare alla Z di Zampogna. Nel mezzo? Parole amate o perdute, a volte sconosciute, simboli e personaggi di una storia narrata e tramandata nei secoli dei secoli. Un racconto alla “luce” di una stella cometa di legno, accompagnato da aneddoti e canzonette strampalate, trascinanti e orecchiabili. Una stalla speciale attrezzata di ogni cosa per l’avvento e la “dolce venuta”.
Il giaciglio perfetto per un sapiente e baldanzoso bue in abito elegantissimo, stile vittoriano, rappresentato da Gianni Rossi e del suo fedelissimo, ma anche un po’ stralunato e inimitabile asino dalle grandi orecchie da aviatore, interpretato da Alessandro Calabrese. Un dono per bambini e adulti.”
(Marta Giansanti, Bresciaoggi, 05 dicembre 2021)

Ingresso:
Biglietto adulti chf. 10.-
Ridotto fino a 12 anni chf. 5.-

Dettagli

Data:
4 Dicembre
Ora:
16:30
Categoria Evento:

Organizzatore

Teatro del Gatto
Telefono:
+41 091 792 21 21
Email:
info@ilgatto.ch
Sito web:
http://www.ilgatto.ch

Luogo

Teatro del Gatto
via Muraccio 21
Ascona, 6612 Svizzera
+ Google Maps